AGROALIMENTARE, CREA: III TRIMESTRE 2020, SEGNALI DI RIPRESA: IN CRESCITA PIL, INVESTIMENTI E CONSUMI

26 Febbraio 2021 ore 08:58

AGROALIMENTARE, CREA: III TRIMESTRE 2020, SEGNALI DI RIPRESA: IN CRESCITA PIL, INVESTIMENTI E CONSUMI

(CHB) - Roma, 24 feb 2021 - Dopo la grave crisi del sistema economico innescata dall'emergenza sanitaria, l'andamento economico del III trimestre 2020 mostra segnali di ripresa per l'economia italiana. Infatti, rispetto al trimestre prece=C2=ADdente, si registra una crescita del PIL pari a circa il 16%, con un +31,3% negli investimenti fissi lordi, +9,2% nei consumi finali nazionali, +15,9% nelle importazioni e +30,7% nelle esportazioni. =C3=88 quanto emerge dalla fotografia scattata nel III trimestre del 2020 da CREAgritrend, il bollettino trimestrale messo a punto dal CREA, con il suo Centro di Ricerca Politiche e Bioeconomia.

I DATI. Rispetto allo stesso periodo del 2019, nel III trimestre 2020 si sono verificate una contrazione dell'indice della pro=C2=ADduzione dell'industria alimentare pari a -2% (-4% il picco registrato a settembre) e una crescita in controtendenza di quello della pro=C2=ADduzione delle bevande (+3,6%). L'indice del fatturato dell'industria alimentare cresce sul mercato estero di 2,6% e si contrae su quello interno. Ulteriore frenata dell'industria delle bevande con una forte riduzione sul mercato estero (-3,7%), mentre si mantiene stabile su quello interno.
Le esportazioni agroalimentari nel III trimestre 2020, sono pari a circa a 11,1 miliardi di euro e, rispetto allo stesso periodo del 2019, crescono dello 0,8% , con un aumento (+10%) dei flussi verso la Germania, mentre le importazioni calano del -3,2%. I prodotti maggiormente esportati sono stati i derivati dei cereali (soprattutto pasta), ortaggi trasformati (principalmente conserve di pomodoro) e frutta fresca (uva da tavola e mele). Le diminuzioni più significati=C2=ADve riguardano l'export di vini (-2,4%), altri alcolici (-3,4%) e prodotti lattiero caseari (-3,8%).
Sulla base dei dati raccolti su twitter dal 01 ottobre 2020 al 20 gennaio 2021, in linea con il periodo precedente, emerge un leggero aumento (+5%) del clima di fiducia nei confronti del settore primario e delle sue politiche, con prevalenza dei giudizi positivi e molto positivi (60%) rispetto ai negativi e molto nega=C2=ADtivi (37%), che registrano una diminuzione del 5% rispetto alla rilevazione del secondo trimestre.
Per ulteriori informazioni sull'andamento del settore nel 2019 è possibile consultare l'Annuario dell' agricoltura italiana e l'Agricoltura italiana conta. (CHARTABIANCA) red =C2© Riproduzione riservata
Powered by:bizConsulting