AGROALIMENTARE: UE, PROGRAMMI PROMOZIONE: AMMESSE 18 PROPOSTE ITALIANE; NESSUNA SARDA

28 Novembre 2018 ore 07:59

AGROALIMENTARE: UE, PROGRAMMI PROMOZIONE: AMMESSE 18 PROPOSTE ITALIANE; NESSUNA SARDA

(CHB) - Cagliari, 26 nov 2018 - Sono 18 i programmi italiani, ma nessuno proveniente dalla Sardegna, che sono stati inseriti nella graduatoria tra le 58 migliori proposte che saranno finanziate dall'Unione europea per i "programmi semplici riguardanti informazione e promozione dei prodotti agricoli per il 2018, realizzati nel mercato interno e nei paesi terzi=E2?=9D. L'azione dell'Ue ha messo in campo per i programmi selezionati 97 milioni 144 mila euro. In totale sono state presentate 146 proposte, ma considerate le risorse finanziarie disponibili, il contributo finanziario dell'Unione sara' concesso a 58 proposte meglio classificate. Per quanto riguarda le altre, 34 non possono essere prese in considerazione per il contributo, 38 proposte non rispettano le soglie stabilite nell'invito e 16 non sono conformi ai criteri di ammissibilita' e queste domande dovrebbero essere respinte. Alla valutazione e' stata interessata l'agenzia esecutiva per i consumatori, la salute, l'agricoltura e la sicurezza alimentare (Chafea) che ha stilato la graduatoria separata per ciascun tema prioritario definito nell'invito.

LE PROPOSTE ITALIANE. Per l'Italia, a prendere i contributi europei per i loro rispettivi programmi sono stati: il Consorzio di tutela del formaggio Piave Dop (1 milione di euro); il Consorzio Zampone e Cotechino Modena Igp (1,8 milioni di euro); Consorzio salumi Dop Piacentini (828 mila euro); Cso con programma =E2?=98CsoBio' (frutta e ortaggi) per 1,2 milioni di euro; cooperativa Assomela (315 mila euro); ancora Cso con proposta denominata =E2?=98CsoAsia' (2,9 milioni di euro) e proposta =E2?=98CsOuSuae' (1,4 milioni di euro); From Societa' Agricola Cooperativa (1,5 milioni di euro); Consorzio Cacciatore italiano (881 mila euro); Associazione Nazionale Industriali Conserve Alimentari Vegetali con 2,4 milioni di euro per progetto Eu Red Gold Asia e 2,3 milioni di euro per progetto eu Red Gold Usa; GranLatte societa' cooperativa con 1,6 milioni di euro per progetto =E2?=98Ediscan' e 2,2 milioni per progetto =E2?=98Edislat Am; Consorzio prosciutto San Daniele (4,6 milioni di euro); Unaprol Consorzio olivicolo italiano (4 milioni di euro); Consorzio Garda Doc (1,2 milioni di euro); Unaproa (1,4 milioni di euro) e Consorzio Formaggio Parmigiano Reggiano (2,4 milioni di euro).
Nell'elenco di riserva si e' inserito il progetto italiano del Consorzio di tutela del Provolone Val Padana (4,6 milioni di euro), nell'elenco dei respinti figurano 5 progetti italiani tra cui Consorzio Pecorino toscano e istituto marchigiano tutela vini (nessun sardo), mentre nell'elenco dei progetti con punteggi bassi figurano 5 progetti italiani tra cui Consorzio tutela della patata di Bologna, progetto Unioncamere e l'associazione italiana per l'agricoltura biologica (ancora nessuno dalla Sardegna). Sono due, infine i progetti non ammissibili italiani (sulle carni, olio, formaggi e vini).

I REQUISITI. Secondo il documento siglato da Phil Hogan, componente della Commissione "alcuni richiedenti dei programmi selezionati e alcuni con proposte selezionate dall'elenco di riserva dovrebbero essere invitati ad adeguare i propri programmi apportandovi modifiche non sostanziali - scrive - mentre le proposte che non sono inserite tra le meglio classificate, e che superano le soglie minime stabilite nell'invito a presentare proposte, dovrebbero essere selezionate per l'inserimento nel relativo elenco di riserva. Qualora vi fossero stanziamenti disponibili - si legge ancora nel documento di decisione di esecuzione della Commissione - le altre domande valide dovrebbero ricevere il contributo finanziario dall'Unione secondo l'ordine di graduatoria, senza l'adozione di una seconda decisione di esecuzione=E2?=9D. (CHARTABIANCA) mpig =C2© Riproduzione riservata
Powered by:bizConsulting