EXPORT: FIRMATO ACCORDO LIBERO SCAMBIO UE-VIETNAM, TUTELATO ANCHE IL PECORINO ROMANO

14 Febbraio 2020 ore 08:01

EXPORT: FIRMATO ACCORDO LIBERO SCAMBIO UE-VIETNAM, TUTELATO ANCHE IL PECORINO ROMANO

(CHB) - Bruxelles, 12 feb 2020 - Il Parlamento europeo ha approvato stamane gli accordi di libero scambio e di protezione degli investimenti tra Ue e Vietnam. I deputati hanno dato il loro consenso all'accordo con 401 voti, 192 voti contrari e 40 astensioni, =E2?=9CL'accordo piu' moderno, completo e ambizioso mai concluso tra l'UE e un paese in via di sviluppo", cosi definito nella risoluzione di accompagnamento adottata con 416 voti favorevoli, 187 contrari e 44 astensioni, contribuir=C3=A0 a fissare gli standard commerciali nella regione ASEAN e potrebbe portare a un futuro accordo multilaterale di commercio e investimenti.
Per il Parlamento, l'accordo e' "un forte messaggio a favore di un commercio libero, equo e reciproco, in un periodo segnato da crescenti tendenze protezionistiche e da importanti sfide per il commercio multilaterale basato su norme".

VIA I DAZI. L'accordo eliminera' praticamente tutti i dazi doganali tra le due parti nei prossimi dieci anni, anche sui principali prodotti europei di esportazione verso il Vietnam: macchinari, automobili, alimentari e prodotti chimici. L'accordo si estende a servizi come le banche, il trasporto marittimo e le poste, per i quali le aziende dell'UE avranno un migliore accesso. Le imprese UE potranno anche partecipare a gare d'appalto pubbliche del governo vietnamita e di diverse citta' , tra cui Hanoi. Salvaguarda anche 169 prodotti emblematici europei, come il Pecorino romano, Parmigiano Reggiano, lo Champagne o il vino della Rioja.
Inoltre, l'accordo e' uno strumento per proteggere l'ambiente e sostenere il progresso sociale in Vietnam, compresi i diritti dei lavoratori. Il testo impegna infatti il Vietnam ad applicare l'accordo di Parigi e ad approvare definitivamente due progetti di legge sull'abolizione del lavoro forzato e sulla liberta' di associazione, rispettivamente entro il 2020 e il 2023. L'accordo commerciale prevede, infine, una clausola di sospensione in caso di violazione dei diritti umani.

CONTROVERSIE. In una votazione distinta, il Parlamento ha approvato con 407 voti favorevoli, 188 contrari e 53 astensioni un accordo di protezione degli investimenti che prevede un sistema di tribunale degli investimenti con giudici indipendenti per risolvere le controversie tra investitori e Stato. La risoluzione di accompagnamento e' stata approvata con 406 voti favorevoli, 184 contrari e 58 astensioni.

TAPPE E MERCATO. Una volta che il Consiglio avra' formalmente concluso l'accordo commerciale e le parti si saranno notificate reciprocamente la chiusura delle loro procedure, il testo pu=C3² entrare in vigore. Affinch=C3© l'accordo sulla protezione degli investimenti entri in vigore invece, i parlamenti degli Stati membri dell'UE devono prima ratificarlo.
Il Vietnam =C3=A8 il secondo partner commerciale dell'UE nell'Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico (ASEAN) dopo Singapore, con scambi di merci per 47,6 miliardi di euro all'anno e 3,6 miliardi di euro in servizi. Le esportazioni dell'UE verso il paese crescono del 5-7% all'anno, eppure il deficit commerciale dell'UE con il Vietnam e' stato di 27 miliardi di euro nel 2018.
Le principali importazioni dell'UE dal Vietnam comprendono apparecchiature per le telecomunicazioni, abbigliamento e prodotti alimentari. In Vietnam, l'UE esporta principalmente beni quali macchinari e attrezzature di trasporto, prodotti chimici e prodotti agricoli. (CHARTABIANCA) red =C2© Riproduzione riservata agricoltura
Powered by:bizConsulting