LINGUA BLU: STOP MOVIMENTAZIONE, CONFAGRI: DURO COLPO AD ALLEVATORI, REGIONE TAGLI COSTI ESAME PCR

15 Settembre 2021 ore 08:00

LINGUA BLU: STOP MOVIMENTAZIONE, CONFAGRI: DURO COLPO AD ALLEVATORI, REGIONE TAGLI COSTI ESAME PCR

(CHB) - Cagliari, 14 set 2021 - Cresce la preoccupazione per la diffusione della Lingua blu in Sardegna. Il contagio, infatti, si sta diffondendo rapidamente su tutta l'isola. Al 13 settembre si registrano 723 focolai attivi, i capi interessati sono 234.993, 20.431 dei quali presentano sintomi clinici, e i morti sono saliti a 1629 unità . Per questo motivo il Ministero della Salute ha stabilito che "gli animali delle specie sensibili alla Blue tongue potranno lasciare la Sardegna solo dopo l'esame della Pcr" estendendo, in questo modo, a tutta la Sardegna l'obbligo dell'esame ai fini della movimentazione extra regionale.

DURO COLPO. "Un duro colpo per gli allevatori sardi, specie quelli bovini - dichiara oggi Confagricoltura Sardegna - che subiranno un grave disagio per l'ennesimo blocco della movimentazione e dell'esportazione dei vitelli da ingrasso fuori dalla Sardegna. Come noto tale attività è vitale per la sopravvivenza delle imprese zootecniche sarde che rischiano di subire gravissime ripercussioni di natura economica dal momento che l'esame PCR rappresenta un costo molto gravoso per gli allevatori.
Pertanto, Confagricoltura Sardegna chiede che l'Amministrazione regionale trovi le risorse finanziarie che consentano di abbattere il costo dell'esame PCR per assicurare la movimentazione extra regionale. Confagricoltura auspica, inoltre, che la procedura sia più snella rispetto al bando precedente in cui gli allevatori erano costretti a presentare documenti che allungavano i tempi dell'istruttoria. E' auspicabile una convezione tra la Regione e l'Istituto Zooprofilattico sperimentale della Sardegna per permettere all'IZS di gestire direttamente i test PCR e comunicare i dati a Laore.
Il comparto è già in difficoltà a seguito del provvedimento del Ministero della Salute che, nel marzo 2017, ha disposto che la vaccinazione per i bovini non rientra tra i criteri ammessi dai livelli essenziali di assistenza (LEA), per cui i proprietari dei capi bovini da movimentare devono provvedere direttamente all'acquisto e alla somministrazione dei vaccini con Veterinari autorizzati dalle ASSL".
Confagricoltura aveva già chiesto, nei giorni scorsi, alla luce dell'incontro con l'assessorato dell'Agricoltura, la necessità di un immediato coordinamento tra assessorato dell'Agricoltura, assessorato della Sanità e Istituto Zooprofilattico della Sardegna per far fronte all'emergenza delle malattia.
"Sul fronte vaccini, non si hanno notizie in merito all'adozione della Delibera da parte della Giunta regionale in cui si dà l'incarico all'Istituto Zooprofilattico della Sardegna per l'acquisto delle 600.000 dosi necessarie per vaccinare il patrimonio ovino sardo e arginare il virus. Un grave ritardo che consentirà alla malattia di continuare a correre dal momento che la RAS sembra non intervenga nemmeno per l'acquisto dei repellenti utili per arginare la malattia in attesa del vaccino", conclude l'associazione. (CHARTABIANCA) red =C2© Riproduzione riservata regione agricoltura
Powered by:bizConsulting