Consumo di suolo: nel 2019 persi 5.200 ettari, 165 in Sardegna

24 Settembre 2020 in Politiche agricole

Rispetto alla media nazionale (7,1%) di suolo consumato, la Sardegna sia attesta al 3,3%. Nel 2019, rispetto al 2018, la Sardegna è in linea con la media nazionale (0,2%) per quanto riguarda l'incremento medio del suolo consumato.


Il consumo di suolo (dovuto a costruzioni residenziali e produttive, a vie di comunicazione ecc.) in Italia si attesta, nel 2019, intorno ai 5.000 ettari (5.186), in lieve crescita (+1,9%) rispetto all’anno precedente.

Resta comunque nettamente al di sotto - grazie soprattutto agli effetti della crisi economica e alla stabilità demografica - degli oltre 20 mila ettari annui (21-26 mila) registrati nei decenni che vanno dal 1956 al 2006.

In valori assoluti – come si evince dal rapporto del Centro Studi di Confagricoltura - le regioni più interessate dal fenomeno sono quelle più estese e popolose: Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Piemonte e Sicilia. Se invece si considera il consumo di suolo per abitante, troviamo ai primi posti le Regioni più piccole e meno abitate: Molise, Basilicata, Valle d’Aosta, Friuli Venezia Giulia e Umbria.

Rapporto del Centro Studi

Powered by:bizConsulting