Recovery Found

11 Dicembre 2020 in Politiche agricole

Giansanti: Veto superato, è un segnale di fiducia anche per l'agricoltura europea


Con il ritiro del veto polacco e ungherese, il Consiglio europeo ha definitivamente approvato stasera il bilancio pluriennale e il Next Generation EU.

“Per il settore agricolo la decisione comporta la certezza delle risorse finanziarie per il periodo 2021-2027 e lo sblocco del regolamento transitorio con la proroga biennale della PAC. Viene anche evitato l'esercizio finanziario provvisorio 2021 che avrebbe messo a rischio la continuità dei PSR”.

Il presidente di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, commenta positivamente lo sblocco dell’impasse per il veto di Polonia e Ungheria che bloccava l’approvazione del bilancio pluriennale dell’Unione e il ‘Next Generation EU’.

“La decisione di Bruxelles assicura così la continuità delle misure della PAC in attesa della riforma e per rilanciare l’agricoltura dopo l’emergenza sanitaria. Superato il veto di Polonia e Ungheria, si può anticipare all’inizio del 2021 l’utilizzo dei fondi per lo sviluppo rurale - 8,07 miliardi di euro - previsti dal ‘Next Generation EU’ per incentivare la diffusione delle innovazioni tecnologiche e accrescere la sostenibilità ambientale. E’ un segnale di fiducia anche per l’agricoltura europea”.

Powered by:bizConsulting