Guidi: Ad Expo 2015 ribadiremo che l'agricoltura è il modello di sviluppo globale

13 Dicembre 2013 in Piano di Sviluppo rurale

Il messaggio di Letta

“Considero Expo 2015 un’occasione importante quanto le Olimpiadi a Roma del 1960, che mostrarono al mondo come il nostro Paese fosse ripartito dopo la guerra. Ora Expo 2015 dovrà far vedere come l’Italia saprà ripartire dalla crisi. Dell’Esposizione l’agricoltura è il pilastro comunicativo; il lavoro delle vostre imprese è fondamentale per far ripartire l’Italia”. Lo ha detto il presidente del Consiglio Enrico Letta in un videomessaggio che ha inviato all’assemblea di Confagricoltura che si è svolta oggi, a Roma, all’Auditorium Via Veneto.
 
"Il mio – ha proseguito il capo del governo rivolgendosi ai dirigenti di Confagricoltura - è un incoraggiamento a continuare nel vostro lavoro di rappresentanza sociale ed economica, che svolgete in un momento difficile, anche in una sana dialettica con le istituzioni”.
 
Con il videomessaggio di Letta si sono aperti i lavori della parte pubblica dell’assemblea dell’Organizzazione degli imprenditori agricoli  cui sono intervenuti anche il sottosegretario alle Politiche agricole con delega a Expo 2015, Maurizio Martina ed il vice ministro per gli Affari Esteri, Marta Dassù.
 
“Apprezzo il vostro approccio alle tematiche attinenti all’ Unione europea, non ideologico, realista e non pessimista – ha esordito il sottosegretario Martina – In un momento di crisi come l’attuale, guai  a farsi prendere da smanie di smantellamento anche delle impalcature che servono per ricostruire. L’agricoltura ha la cittadinanza mondo e non può chiudersi in s stessa”.
 
Martina ha anche criticato un certo provincialismo che impera tra coloro che si interrogano sulla validità di una kermesse come Expo 2015, che contestano che oggi non serve uno spazio fisico per vedere le novità del mondo. Ci piace farci del male da soli – ha lasciato intendere – cosa che non hanno fatto i cinesi con Shanghai 2010 e chi già pensa a Dubai 2020.
 
Ampiamente condivisa dal viceministro per gli Affari esteri, Marta Dassù, la relazione del presidente Guidi che “ha fornito una lettura concreta dell’Europa, di cui si parla troppo spesso, anche in politica, in maniera astratta”.
 
“Tra nostalgici ‘padri fondatori’ e euroscettici, manca una visione realistica del significato di stare in Europa – ha detto il vice ministro - . Oggi ci  troviamo di fronte ad una sfida molto importante,  in cui  avranno un peso determinante le prossime elezioni europee e la presidenza di turno italiana. La sfida è la crescita. E l’agricoltura potrà giocare un ruolo importante”.  Un’agricoltura che il viceministro ritiene essenziale anche negli equilibri geopolitici mondiali, negli accordi commerciali, come quello recentemente stipulato con il Canada o con quello in via di definizione con gli Usa  e riguardo al più ampio problema della sicurezza alimentare.
 
“Expo’ 2015 sarà il banco di prova. Non deve essere una fiera e neppure solo un occasione di agribusiness, ma un’opportunità per  tutto  il Paese” , ha concluso il vice ministro, accogliendo l’invito del presidente Guidi al governo per impegnarsi in maniera razionale con il sistema delle imprese per un progetto strategico che veda l’agricoltura al centro crescita dell’Europa e non solo.
 
“A Expo 2015 – ha detto in chiusura il presidente di Confagricoltura Mario Guidi – ci faremo promotori di un dibattito che coinvolga le rappresentanze delle 140 realtà agricole mondiali presenti alla kermesse per una discussione unica. Per ribadire che l’agricoltura è il modello di sviluppo mondiale”.

Powered by:bizConsulting